come catturare l'essenza di una persona inun ritratto fotografico

Come catturare l'essenza di una persona in un ritratto: quello che ho imparato

Oggi voglio parlarvi di un argomento che mi appassiona particolarmente: catturare l'essenza in un ritratto. Realizzare un ritratto non significa solo catturare un'immagine di un soggetto. Si tratta, invece, di fermare un momento, un'emozione, l'essenza stessa di una persona.

Devo ammettere che all'inizio non era facile per me. Mi approcciavo al ritratto con un po' di timore, quasi di imbarazzo. Mi chiedevo: come potevo davvero cogliere l’essenza di qualcuno con la mia macchina fotografica?

Con il tempo, lo studio e la pratica, ho capito che la chiave è la connessione. È fondamentale creare un rapporto di fiducia con il soggetto, metterlo a suo agio e farlo sentire libero di essere sé stesso. Che si tratti di un uomo, una donna, un bambino o un animale domestico, la connessione rappresenta la chiave di tutto.

Ricordo uno dei miei primi ritratti, la modella era mia sorella minore. Ero preoccupato, temevo di non riuscire a catturare la sua vivacità ed il suo carattere allegro e deciso. Anche perché lei è una persona molto timida che, davanti alla macchina fotografica, tendeva a chiudersi in se stessa e apparire sempre molto impostata, poco naturale. Ma è bastato farla ridere con un vecchio aneddoto per far emergere la sua vera essenza: una ragazzina piena di vita e di gioia.

Le mie clienti sanno bene che mi sentono sempre parlare delle cose più varie, dagli aneddoti su vecchi servizi fotografici alle considerazioni sull’attualità o sul gossip. Potreste pensare che io sia logorroico, ma la verità è che vi sto studiando. Mentre parlo, osservo le vostre reazioni ed intanto scatto. Poi vi consiglio una semplice posa e subito dopo comincio a parlare delle vacanze. Una nuova posa e un nuovo argomento di conversazione e il tempo passa veloce. La cliente non si è nemmeno accorta che il servizio fotografico è finito.

Spesso, quando pronuncio la fatidica frase “ok, sono a posto, abbiamo finito”, colgo nello sguardo della mia cliente un attimo di stupore. Come se stesse pensando “ma come? Come fa ad essere a posto se abbiamo appena cominciato?”. Eppure è passata più di un'ora ed io ho ottenuto tutte le foto che avevo programmato nella mia scaletta. Lei non lo sa ancora e nei giorni seguenti comincerà a chiedere di vedere qualche foto perché dice di essere curiosa. Ma io so che in realtà lo sta facendo solo perché è convinta che dalla sessione fotografica non sia uscito nulla di buono. Scoprirà solo dopo la consegna che in realtà abbiamo centrato tutti gli obiettivi che avevamo programmato, in modo semplice, senza fatica e soprattutto senza nemmeno accorgerci di aver lavorato duramente.

Quindi, è così facile? Purtroppo no, non è sempre facile. Gli imprevisti capitano sempre, specie quando la cliente non è stata del tutto sincera e non ha espresso tutte le sue insicurezze e aspettative, per timore o timidezza. L’esperienza fatta sul campo e gli anni di studio però sono fondamentali per accorgersi in tempo che qualcosa non sta andando come dovrebbe e per “aggiustare il tiro” prima che sia troppo tardi.

 come catturare l'essenza di una persona con un ritratto

Ecco, quindi, alcuni cose che ho imparato lungo il cammino e che spero possano essere utili a qualcuno:

  • Conosci il tuo soggetto: Scopri i suoi interessi, la sua storia, le sue passioni. Più lo conosci, più facilmente riuscirai a cogliere la sua essenza. È importante farlo parlare e scoprire quali sono le sue aspettative, ma soprattutto quali sono i suoi timori nascosti, i suoi punti deboli e quelli di forza da evidenziare.
  • Crea un ambiente confortevole: Metti il soggetto a suo agio, fallo ridere, scherza con lui. Solo così si sentirà libero di mostrarsi per come è realmente.
  • Non aver paura di sperimentare: Prova diverse pose, angolazioni e inquadrature. La foto perfetta potrebbe essere quella che non ti aspetti.
  • Concentrati sugli occhi: Sono lo specchio dell'anima e catturano l'essenza di una persona. Assicurati che siano a fuoco, luminosi e ben illuminati. A questo proposito, è utile scattare qualche foto, poi fermarsi e controllare il risultato, meglio su un monitor, in modo da vedere se c’è qualcosa da correggere nell’illuminazione, nelle pose o nell’obiettivo utilizzato.

Catturare l'anima con un ritratto

  • Cogli le espressioni spontanee: Non aver paura di scattare foto mentre la persona parla o ride. Le espressioni spontanee sono spesso le più autentiche.
  • Racconta una storia: Ogni ritratto dovrebbe raccontare una storia, che sia di gioia, di malinconia, di speranza o di amore. Parla con il soggetto e scopri qual è l’obiettivo, il motivo per cui si è rivolto a te per un servizio fotografico, cosa si aspetta. Poi immaginate insieme la storia da raccontare, può riguardare un suo hobby, uno stato d’animo, un'emozione, ma anche qualcosa di meno astratto come un evento della sua vita che vuole documentare, coinvolgilo in ogni decisione, in ogni sfumatura, deve sentirsi al centro di tutto.
  • Sii paziente: Catturare l'essenza di una persona richiede tempo e pazienza. Non avere fretta di scattare la foto perfetta. Insisti e questa arriverà prima di quanto pensi.

Ricorda, la cosa più importante è divertirsi e lasciarsi guidare dall'istinto. Se riesci a creare un legame con il tuo soggetto, il suo ritratto sarà un successo.

Articoli suggeriti

Studio Fotografico Oliviero

via Roma Sud, 55b - Vezzano sul Crostolo (RE)

tel. 0522 703993 cell. 338 8095217

info@studioliviero.com 

 

Informativa sulla Privacy - Cookies Policy

Diventa Cliente VIP!

Vuoi un servizio fotografico Gratis?

Lascia i tuoi dati  e ricevi le istruzioni per la tua sessione fotografica gratuita.
Leggi la nostra Privacy Policy

Appuntamenti in studio